Carmine Sangiovanni, candidato alla presidenza della Decima Municipalità, espone con chiarezza e serenità un programma fatto di concretezza e responsabilità.

Un amore lungo una vita quello di Carmine Sangiovanni per Fuorigrotta. Una passione diventata impegno politico che, dal 2001, si è trasformata in una vera battaglia per offrire al popoloso quartiere benefici e miglioramenti umani e sociali.

In corsa per le prossime elezioni per la presidenza della Decima Municipalità con il candidato sindaco del centro-sinistra Gaetano Manfredi, Carmine Sangiovanni, 53 anni, impiegato amministrativo presso la Fermag srl, ha iniziato la sua avventura politica esattamente 20 anni fa.

Un’emozionante missione ricca di peripezie e difficoltà. Eletto Consigliere di Circoscrizione nel 2001 con l’incarico di presidente della Commissione Consiliare “Ambiente ed Ecologia”, presso la circoscrizione di Fuorigrotta, Sangiovanni è sempre stato in primo piano nel segno della rivalutazione e del recupero sociale.

Nel 2006 viene eletto Consigliere della Decima Municipalità di Napoli con incarico di Presidente della Commissione Consiliare “Lavori Pubblici e Ambiente”. Combattivo, deciso e pronto a sacrificarsi per raggiungere a tutti i costi gli obiettivi prefissati, Sangiovanni, pur non avendo una carica istituzionale negli anni scorsi è stato da sempre al fianco dei cittadini in difesa dei loro diritti.

A testimonianza di ciò, i vari e riconosciuti interventi presso gli uffici preposti del Comune di Napoli, rivolti negli anni alla risoluzione dei disagi e delle problematiche ambientali presenti sul territorio.

“La passione per la politica che nutro da tanti anni – ha detto Sangiovanni – mi ha portato fino a oggi a perseguire traguardi politici capaci di farmi essere ancora più vicino al mio territorio e alla mia città. Se raggiunta, questa presidenza potrebbe trasformarsi nella preziosa opportunità di mettere in campo una politica di buon governo. Una linea di condotta in grado di ottenere i suoi riscontri positivi con tutti quei risultati che negli ultimi dieci anni sono stati sperati dai cittadini ma che purtroppo non sono mai arrivati”.

“Le municipalità – ha detto ancora Sangiovanni – hanno come faro e come impostazione politica le fasi della gestione dell’ordinarietà. Ci riferiamo in primis alla sicurezza, alla manutenzione delle strade, alla cura del verde con potatura di alberi, alla rivalutazione delle piazze e all’igiene urbana. Questi sono problemi che troviamo in tutta la città di Napoli ma che in quartieri limitrofi del centro storico sono ancora più evidenti.

Ecco perchè mentre per la sicurezza ci sarà da coordinare la presenza delle forze dell’ordine per meglio monitorare il territorio e contenere gli episodi di risse e rapine, non dovranno essere sottovalutate le altre esigenze della comunità. Nei progetti, infatti, c’è anche la rivalutazione di Viale Augusto. E’ necessario ridare centralità a questa zona di Fuorigrotta che rappresenta il biglietto da visita di una parte della città e che ospita grandi eventi presso la Mostra D’Oltremare, lo Stadio Maradona, l’Edenlandia, il Palabarbuto, il Teatro Trosi, il Boowling, la Città della Scienza e non ultima la piscina Scandone dove, in questi giorni, si sta svolgendo l’International Swimming League”. “E’ impensabile – ha concluso il candidato Sangiovanni – continuare ad avere sotto gli occhi lo scempio del meraviglioso Viale Augusto che con le sue splendide palme era diventato un’icona da cartolina per Napoli nel mondo. Personalmente mi impegnerò a fare ritornare questa emblematica strada ai suoi originari fasti restituendogli il ruolo di fiore all’occhiello dell’intera città e della nostra municipalità”.

Tanti impegni per il combattivo Carmine Sangiovanni e soprattutto tanti nuovi obiettivi da raggiungere con la sua solita perseveranza e caparbietà. Tra questi, sempre nel segno di un quartiere a misura d’uomo e tra le priorità della prossima municipalità del presidente, della giunta e del consiglio, restituire e rendere operativa la sede comunale di Fuorigrotta  in via Benedetto Cariteo, alla pari della sede di Bagnoli, per un servizio più agevole ai cittadini alle prese con le richieste di certificati anagrafici.

In conclusione si può affermare che nell’ottica di una municipalità realmente al servizio dei cittadini, Sangiovanni, grazie alle riconosciute energie e risorse, riesce ad esporre con chiarezza e serenità un programma fatto di concretezza e responsabilità. Il tutto nel segno di una reale volontà pronta a portare positivamente alla cronaca i quartieri di Bagnoli e Fuorigrotta.