Oramai siamo giunti ad una pandemia 4.0 o anche conosciuta come quarta ondata, e nonostante la vaccinazione di gregge, o quasi, il contagio da Covid-19 continua a correre inarrestabile tra i non vaccinati, ma anche, purtroppo, tra quelli che hanno entrambi le dosi  con tanto di Green pass a seguito. “Condivido in pieno le preoccupazioni istituzionali sulla questione quarta ondata – ha esordito il prof. Gianni Lepre, opinionista economico del Tg2 e notista dell’agenzia di stampa Italpress – anche e soprattutto in considerazione del pressante rischio per l’incolumità di tanti che hanno deciso di non vaccinarsi come anche per chi, pur vaccinato, si è visto nuovamente contagiato”. Il noto economista che tra le altre cose è presidente del Club delle Eccellenze del Made in Italy, Segretario Generale di OroItaly e presidente onorario della prestigiosa Confraternita dei Sartori, ha poi continuato: “Come già detto condivido le preoccupazioni ma sono letteralmente terrorizzato da una possibile nuova chiusura del Paese grazie all’elevato numero di contagi. Se partiamo dai tanti sacrifici che l’Italia e gli Italiani hanno fatto da Marzo 2020, ed il conseguente insperato recupero degli ultimi tempi, chiudere nuovamente significherebbe una sciagura inimmaginabile per il Sistema Paese, per la sua economia e per la sopravvivenza di oltre il 70% delle attività produttive già allo stremo durante i primi lockdown”.

Il prof. Lepre ha poi concluso: “Il governo vada avanti con le vaccinazioni e con la terza dose che, come al altre, non sarà certo la panacea, ma almeno potrebbe garantirci qualche mese in più per recuperare credibilità sui mercati internazionali e fiducia in quelli interni. Si abbandoni definitivamente l’idea dei lockdown  – ha poi chiosato l’economista volto noto del Tg2 Italia – poiché distruggerebbero in brevissimo tempo i risultati raggiunti e ci farebbero piombare nuovamente nel caos da recessione”.